Pompeo Pipoli
Social

In quali giorni e a che ora pubblicare post su Facebook?

Social

In quali giorni e a che ora pubblicare post su Facebook?

Quando pubblicare post su Facebook

Ecco, ci risiamo! Sapevo che sarebbe successo ancora ed allora eccomi qui!

Ancora una volta mi è stata posta la fatidica domanda: “Quanti post devo pubblicare sulla mia pagina Facebook e a che ora?”

Ritengo che la domanda sia assolutamente lecita, ma prima di rispondere voglio partire con un brevissimo preambolo: il web è il mondo più ricco di contraddizioni e incapaci in cerca di gloria e non è difficile trovare su gruppi e siti web, a volte anche di settore, risposte più disparate come 1, 5, 7, pubblica con la finestra e la porta del frigo aperta, mentre tiri lo sciacquone e via dicendo… un mucchio di sciocchezze!

La superficialità con cui queste informazioni vengono rilasciate è disarmante perchè non tengono conto del settore merceologico, del target, della tipologia di mercato, del prodotto e di moltissime altre informazioni fondamentali per arrivare ad una strategia che possa quanto meno non ledere il brand.

Torniamo adesso a noi e dopo averti ammorbato con questi 4 paragrafi apparentemente inutili, rispondo finalmente alla tua domanda, e non preferisco farlo con uno scontato “dipende”, la parola più usata nel nostro settore quando non si sa di cosa si sta parlando, ma con la soluzione concreta alla tua domanda: la risposta alla fatidica domanda “in quali giorni e a che ora pubblicare post su Facebook” è: NON Esiste.

Te l’aspettavi? Esattamente come accade durante le mie lezioni, non credo tu sia rimasto molto soddisfatto dalla mia risposta, perché tutti vogliono una risposta servita su un piatto d’argento, perché non hanno tempo da perdere, come dicono molti, o perché hanno sentito che il dirimpettaio invece lo sa come funziona, ma in queste righe oggi hai trovato la verità e che ti piaccia o no, per quanto tu possa continuare a cercare su gruppi e forum di settore, non troverai mai la risposta che si sposi pienamente con la gestione social della tua azienda.

Ti consiglio di continuare a leggere quest’articolo fino alla fine e approfondire le motivazioni che mi hanno spinto a darti questa risposta affinchè tu possa capire anche come agire.

Come ben saprai, la reach organica ha subito un drastico calo negli ultimi anni a causa del nuovo algoritmo di Facebook e per quanto tu possa pubblicare decine di articoli al giorno, non raggiungerai mai tutti i followers della tua pagina o i tuoi amici, quindi questo significa una sola cosa: quanto più insisterai, tanto più impiegherai malissimo il tuo tempo.

Oggi sono sempre più dell’idea che gli sforzi debbano concentrarsi non più verso la quantità dei post, ma su una qualità gestita e pensata perché solo così è possibile convertire il maggior numero di utenti in potenziali clienti.

La gestione efficace dei social, la viralità delle notizie, non è un’attività che può esser fatta con superficialità perchè pensare che una pubblicazione errata non abbia ripercussioni sul marketing digitale più in generale della tua azienda è un grave errore che può diventare un serio problema quando viene reiterato nel tempo.

Pensare che chiunque possa essere in grado di creare relazioni efficaci con il proprio pubblico attraverso la lingua dei social media è errato a prescindere.

L’immagine che si dà di sé quando si fa una comunicazione improvvisata sul web, senza un adeguato tone of voice è quella di un’azienda mediocre che lavora con superficialità e che induce facilmente a pensare che la stessa superficialità sia presente anche nei propri prodotti o servizi.

Distinguersi dalla concorrenza in ogni ambito e lasciare un’impronta di sé sul web, è questa l’arma vincente per acquisire nuovi clienti e consolidare le relazioni ed è la sola cosa che ha un valore aggiunto rispetto alla concorrenza.

Ogni pubblicazione deve cercare sempre di coinvolgere i propri followers o fan che siano, evitando post senza una reale informazione per l’utente perché bisogna pensare che, con l’introduzione del nuovo algoritmo di Facebook, il newsfeed si è arricchito di tanta inutilità, pertanto i nostri fan sono già bombardati da questo genere di informazioni.

Non essere uno dei tanti quando tutti si improvvisano a fare tutto oggi diventa un imperativo assoluto e la differenza la fanno elementi distintivi come il contenuto pubblicato, la creatività ad esso associata, il tone of voice, ma più di tutto, alla base di tutto, c’è il metodo con cui sono stati acquisiti i propri fan.

Le maggiori preoccupazioni degli ultimi tempi sul web non tengono quasi più conto di quanto sia stato fatturato durante l’anno, ma di quanti follower sono stati acquisiti e quanti ne hanno acquisito i propri competitors nello stesso periodo.

Bisogna ricordare sempre che il vero engagement sui post lo creano le fan base acquisite in modo naturale a dispetto di quelle pagine da milioni di like che hanno investito migliaia di euro per acquisirli per poi ritrovarsi con un pugno di interazioni ad ogni pubblicazione.

Personalmente inizierei a pensare a come costruirmi una vera fan base o in ogni caso sarà sempre e soltanto lavoro sprecato.

Se questo articolo pensi possa esserti d’aiuto fammelo sapere e se vorrai potrai condividerlo anche con tuoi fan.

Questo tuo piccolo gesto renderà il web un posto più professionale.

Lascia un commento